domenica 28 ottobre 2007

Khaos, i' vorrei che tu e Louis e io...


Un'antica leggenda indiana vorrebbe che le tigri, una volta assaggiata la carne umana, non ne bramino (bràmino, non bramìno... cioè, vabbè che parliamo di India, ma non facciamo confusione) più di altro tipo, e dunque per saziarsi vadano solo più in caccia d'uomini.

Dev'essere più o meno quello che è accaduto al sottoscritto quando due post or sono ha cominciato a dare addosso ai minus habentes. Era partito tutto come uno scherzo, poco più che un esperimento. Un esercizio stilistico, se vogliamo. Ora è diventata una droga. Sembra infatti io non riesca proprio più a farne a meno. Non solo, ma non resisto dal dare addosso ai deficienti nemmeno quando sono in casa d'altri. O, per meglio dire, nei blog degli altri, visto che trattasi sempre di tenzoni internettiane.

E' proprio ciò che è capitato con un tal Khaos, ignoto buontempone che si diletta a scrivere battute trite e ritrite e giochi di parole insulsi su un blog che io amo. Crede evidentemente di essere il simpa della cumpa, in realtà non fa altro che vandalizzare un tempio del web al quale bisognerebbe invece accostarsi con religioso rispetto. Per esempio in ginocchio, dopo essersi levati le scarpe. Avendogli io dunque fatto presente senza frappor troppo indugio che la sua furia iconoclasta non doveva più aver a che fare con quei luoghi pii, egli, credendo di annichilirmi sotto una carica di simpatia e sagacia, mi rispose così:

Pautasio, ti ho deluso! Oh me tapino, vediamo se ti piace l'aretino. "Luca Pautasso della vita non capì mai un casso, e fu perchè Pautasso Luca se la prese sempre in buca"*

Ahi ahi. Grosso errore. Non solo per il fatto che le battute idiote e i giochi di parole che fanno cadere le braccia sono il MIO FEUDO, cazzarola, e chi mi conosce lo sa. Ma anche perché il fellone di turno qui osa lanciarmi il guanto della sfida su una lizza nella quale il sottoscritto vanta innumerevoli e gloriose vittorie: la poesia goliardica. Urge pertanto una punizione esemplare.

Ecco dunque qual'è stata la mia risposta, tra l'altro partorita in tre minuti netti, a fronte dei (presumo fortemente) quarantacinque che sono occorsi a suo tempo al Khaos per, nell'ordine:
1) giungere alla conclusione che è ben difficile per chi è semianalfabeta trovare un termine in grado di fare rima con il cognome Pautasso
2) ripiegare dunque su una bislacca licenza poetica

A Khaos:

O mio buon Khaos che in rima favelli,

con metrica e stile sì elementare,

per dimostrar che fo i versi più belli

in endecasillabo ti mando a cagare.


Leggo i tuoi lazzi e già sto petando,

traballano i frizzi, e le rime tue,

nom e cognom puerilmente storpiando,

saprebbe comporle financo un bel bue.


Ti credi umorista come Luttazzi,

o ludolinguista al par di Bergonzo,

ma a leggerti bene già cagano i cazzi.

Tu non sei poeta, sei solo uno stronzo


Da te mi congedo, alfine felice,

di averti impartito sonora sconfitta:

al par tuo favellano anche le pice,

io invece ferisco in metrica invitta.


Ordunque rimembra, pivello, chi sfidi

prima di muovere in rima un assalto:

perché se tu prima bel bel te la ridi,

io dopo qui giungo e repente ti asfalto!


Pautasio di Mileto (firma vezzosa, va bene, ma concedetemela)

Dolce stil novo rulez, a parte la costruzione che non è ABBA ABBA CDE EDC. E giuro che sarei riuscito anche a fare di meglio, se non avessi avuto il tormento costante delle emorroidi.
Best regards

Ps: Ancora una volta devo dire grazie a Louis per avermi fornito la materia prima. Credo proprio che se lui non ci fosse, e con lui la sua innata capacità di attrarre sul suo blog mentecatti a frotte come mosche sul miele, il mondo sarebbe di sicuro un posto più vuoto, più freddo e più buio. Quindi respect, bro'.


Ah, se vi interessa, la disfida originale e le Khaotiche battute del menga potete trovarle qui.

24 commenti:

Louis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Louis ha detto...

Se copiar le altrui farine
Fosse vero premio in Paradiso
saresti nel cielo posto infine
E non da tutto l'internet deriso

Faccio vedere i miei commenti
Compaiono anche nel tuo resto!
Nel tuo blog non mancano argomenti
Sarebbe bello tu fossi onesto

Invero mi citi spesso, forse
l'unico nella rete a cagarmi
Restiamo quindi vicini di corse
Se mi prometti di non più plagiarmi

Shinystat ti mostra come fonte
Principale per gli altrui clic
Vedrò di non aggrottar la fronte
ELSE IF imitarmi sembra un tuo tic

Pautasio ha detto...

A Louis

Ahi, com'è dura veder ripagata
stima e rispetto con villana rima:
vile e davvero cotal tua moneta
con cui ricompensi chi di te ha stima

Dici che copio, giammai è accaduto.
Se qui e là cito, repente riporto
la fonte da cui lì son pervenuto
e or, se puoi, dimostra che ho torto.

O forse la rete e ciò ch'essa raccoglie
è tutta una tua propertà d'intelletto?
Rivendica allora financo le spoglie
di Splinder, Blogspot, e pur Youtubetto!

Sostieni altresì che mi si deride
in lungo e in largo per la blogosfera,
ma inver son io che lancio le sfide
e chi mi risponde? Aspetta e spera...

Suvvia, rinsavisci, e leva il prosciutto
da li occhi tuoi tronfi di tanto rispetto
che ti ho tributato leggendoti tutto
e che tu hai confuso per troppo sospetto

Non è per copiare, per suggerti idee
che spesso i' visito il tuo regno fatato.
E se sol di qualcosa le mie dita son ree
è, ahimé, di averti fin troppo cliccato

Ma a tutto si trova alfine un rimedio
ed anche in questo v'è pur soluzione:
se mia presenza sul tuo blog è di tedio
mai più io compaia in alcuna sezione!

Nè link, nè commento, nè shinyrapporto
né copincolla, né citazione
ma se mai nuovo attacco ti verrà sporto
ti lascerò solo, a far da Atteone!

Louis ha detto...

Premessa:
Vediamo di darci un limite di poesie, se no poi si cade sempre nel futurismo d'accatto e poi nel caccapupù [ovvero il rap]. Facciamo 4 in tutto contro ogni partecipante?
-----
A pautasio - 2

San Matteo sarebbe più chiaro
Del mio sì povero rimario
Ma non essendo di loquir avaro
Vedrò con gli esempi d'esser vario

Iniziai aprendo un blog faceto
Fui felice di fare tua guida
Di visitarmi non fu divieto
Ne lo scrivere fu giammai sfida

Eppur t'appoggi un filo troppo:
Non dissi che mi plagiasti i post
Bensì idee che sempre mie dirò.

I miei widget non fec'io purtroppo
E non voglio che ti senta in Lost:
Allor copia: tanto avanti ti starò.

Pautasio ha detto...

Prima di rispondere devo capire una cosa: intendi quattro poesie a testa?

Louis ha detto...

no. 4 poesie a testa per avversario.

Quindi se ci si mette khaos, e lo spero, diventano 8 a testa (4 a te, 4 a lui).

Poi ovvio che si può continuare, ma diamoci dei paletti (tentai una cosa simile con gli inslti creativi, al liceo, e il non porsi limite comportò una scadenza notevole d qualità)

Pautasio ha detto...

Ok, ci sto. Mi sembra più che sensato. Ma ricorda che la successione rimaria del sonetto è ABBA-ABBA-CDE-EDC.
Dunque...

Allorquando tu sostieni
con bel fare paternale
che l'ispirazion tu tieni
è merdon sesquipedale!

Ma, volendo in etichetta
dare a Cesar ciò che è suo
ti dirò che con Doretta
primo passo fu sì il tuo

Per il resto, buon Luigi
e qui vado a salutare,
son manie persecutive

ben di fondamento prive.
Fole che fan sol cagare
stronzi verdi, se non bigi.

Louis ha detto...

sì me lo ricordavo ma dato che mi venivano così amen.

Dobbiamo seguire tutti i rigidi dettami? Non vorrei ma se devo...

Passo io in inquinando.

Pautasio ha detto...

Boh, come vuoi. Tanto la gara sta venendo bene comunque. Lo dicevo solo per dare dimostrazione al mondo che, in ogni caso, siamo immensamente superiori a quelli del Dams...

Martina Orsini ha detto...

Questa cosa è molto divertente, anche se rischia di diventare autocelebrativa e basta. Staremo a vedere. Interessante, comunque.

Ciao a entrambi i duellanti!

Pautasio ha detto...

Un blog che si chiama Abulafia? Ok, è ufficiale: ti amo.
Per sempre tuo, Diotallevi

Louis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Louis ha detto...

Certo, eccellente decerebrato,
Come che tua madre da San Luca
mai fu pinta, avendo troppi chiavato
così urlerò infin un "Suca!".

Faresti bene a non più scrivere
Se per te il conduttor Luttazzi
Fa rima coi tuoi amati cazzi
(Però fa molto i piciu ridere!)

Ironia sapiente m'anima,
Cultura saccente la man ti duce.
Resta fra tuoi polverosi tomi:

Anzichè cercar di far ancor rima
de fighe'n fior andrò alla luce
Mentre cerchi assonanze coi nomi.

Pautasio ha detto...

Sì, come no, una vita...
di' piuttosto la verità, cioè che l'infermiera non era passata a cambiarti il catetere e perciò nuotavi nelle tue stesse urine.
Ad ogni modo, veniamo al momento in cui ti faccio totò sul culetto:

Non bastan sol le rime
per fare un bel sonetto,
ma in metrica si esprime
chi è Vate provetto

Perciò caro Louisello
poetante in strofa zoppa
lontan dal mio pisello
veloce, orsù, galoppa

Il posto tuo qual è?
Né Arcadia né accademia
per la tua insana mente:

attende lei repente,
ché di cultura è astemia
la posta di Cioè!

Louis ha detto...

Idiotone, hai risposto ad un messaggio cancellato.

Mi hai dato una stura infinita così, però.

Louis ha detto...

Notevole però che in una poesia dove te la tiri per la metrica fai cadere in un nonerio l'accento sull'ultima sillaba.

Ozioso vagabondo ha detto...

Bella louis, ottimo pwnaggio al pautasio.

Continua così, che faccio il tifo per te. Non che serva: lo stai facendo nero.

UA' GUAGLIO'

Louis ha detto...

Poi mi rileggo il manualetto di metrica e che ti scopro? Che la metrica dell'endecasillabo è libera.

A differenza del novenario.

Pautasio ha detto...

Louis, non essere pavido in ciò che scrivi. Io leggo e rispondo comunque...
In ogni caso, la metrica è sì libera come tu dici, ma dev'esserci
ritmo e cadenza di lettura e di espressione, cosa che nell'ultima tua lasciava mooooolto a desiderare. Non si può fare un verso di trentasette sillabe seguito da uno di due, a meno che non sia appunto il verso finale, cio è consentito un troncamento al fine stilistico.

Ah, Ozioso,...torna a pettinare le bambole, ché di sicuro ti riesce meglio. Questo gioco non è per te. E' già tanto se comprendi i versi che scriviamo, figuriamoci poi avere la conoscenza di metrica necessaria a comprendere che in realtà è proprio il Luigio che le sta buscando di santissima ragione...

Pautasio ha detto...

A proposito, si dice nonario, o novenario, e non nonerio...

Louis ha detto...

A parte l'ultimo tristissimo commento su un errore di battitura [sono così ignorante che prima scrivo nonerio, e nel commento successivo novenario], ti faccio notare che ogni mio singolo verso è di 11 sillabe. prova a contare.E non dirmi che perchè hai fatto il Classico non sai contare.

Notevole anche il codone di paglia che ti ha fatto spuntare Ozioso.

Pautasio ha detto...

L'unica cosa di paglia che può essere in qualche modo collegata a Ozioso è il cervello che di tanto in tanto chiede in prestito allo spaventapasseri del mago di Oz quando deve postare qualche commento

IL VERO OZIOSO VAGABONDO ha detto...

Grandissima banda di stronzi l'Ozioso di cui sopra NON SONO IO (Presumibilmente Khaos che si sollazza)!

Che Pautasio lo vada a prendere analmente per i commenti acidi e cattivi che ha lasciato allo pseudo-me.

Io non vengo certo a scrivere su sti blog di basso livello, solo a Louis concedo la mia presenza, ergo, eventuali mie fuoriuscite del cazzo deriveranno sempre dal Khaosino biricchino.

(Ringrazio vivamente G9C per avermi informato del plagio d'identità)

Pautasio ha detto...

Sgt. Knut: "Capitano, checca isterica a ore nove!"
Cpt. Dlogret "Presto sergente, attivare i phaser a scansione fendimetrazinabitartratica"
Sgt. Knut: "phaser attivi e pronti a fare fuoco, capitano. Attendo ordini"
Cpt. Dlogret: "Abbattetelo"