mercoledì 9 aprile 2008

Un divino consolatore


Vi ricordate la scena madre del film "L'Esorcista", dove la bimba posseduta dal satanasso di turno si trastulla la filippa con veemenza grazie all'ausilio improprio di un crocefisso? No? Ok, dai, una rinfrescatina di memoria non fa mai male (minuto 00.55-01.00).

Molto "brrr" e "bleah", eh? No?

Beh, allora rallegratevi, perché da oggi potrete farlo anche voi. E senza possessione, parolacce, vomito copioso di Zuppa del Casale o camminata cappottata. Bensì comodamente seduti sulla poltrona di casa, svaccati sul letto, o a mollo fino al collo nella tinozza in un sabato pomeriggio particolarmente noioso.

Tutto grazie a "Divine Interventions" (e che razza di interventions, poi...), la ditta che ha rivoluzionato il modo di pensare il "piciu 'd guma".

I pedemontafoni avranno già capito di cosa sto parlando. Agli altri basterà guardare meglio l'immagine di apertura. Dai, su, osservatela meglio. Ecco, così, bravi. Fatto?

Sì, quella roba lì è proprio quello che pensate voi, nonostante la forma insolita, e serve proprio a quello che pensate voi. Brutti sporcaccioni impenitenti. Tralasciando il fatto che siete tutti dei maniaci sessuali pervertiti, dal momento che se aveste avuto anche solo un briciolo di innocenza in voi:

a) non frequentereste il mio blog
b) pensereste si tratti di candele natalizie realizzate da bimbi portatori di handicap, e, inteneriti al solo pensiero, non comprendereste il perché di tanto scandalo
c) sareste Madre Teresa di Calcutta, o per lo meno una sua prozia,

c'è da osservare comunque con una certa qual curiosità come vasta sia la gamma di oggettini mirati a soddisfare gli insani appetiti di coloro che, utilizzando un neologismo di molto in voga in qesto periodo, potremmo definire "Teofuck". C'è Gesù, Gesù più piccolo, Gesù che fa quell'esercizio sul quadro svedese che lo ha reso famoso in tutto il mondo, la Madonna, il diavolo (per non scontentare la concorrenza, credo), e Buddha. Manca solo quell'altro che porta la barba lunga, c'ha sempre un asciugamano legato alla testa, e mangia il kebab. Credo sia perché gli inventori di questi "giocattoli" sono sì malati di mente, ma hanno ancora un certo qual recondito istinto di conservazione. Sfido, io: JC porge l'altra guancia, mentre l'Illuminato sta sempre seduto sorridente e pacioso qualunque cosa gli succeda intorno. Con due così a disposizione, mica si va a sfottere quelli che tirano cazzotti appena li si nomina, tzè.

Ora smettetela per un secondo di toccarvi e concentratevi. Perchè qui la cosa si fa drammatica. Per la legge della domanda e dell'offerta, infatti, se esiste un prodotto è perché c'è un potenziale compratore. E se il prodotto viene pubblicizzato su Internet, ovvero il veicolo più rapido ed efficace per raggiungere tutti dappertutto, significa che la rosa di potenziali clienti è piuttosto consistente. Questo può significare solo una cosa: se non sono io a comprarli, siete voi. Vi dico solo che ho avuto solo ragazze molto cattoliche, una addirittura di Cl, e che, al massimo, limono altri uomini solo se questo mi consente di vincere un qualche tipo di premio (eh, sì, c'ho la competizione nel sangue). Quindi avanti, parliamone...


Ps se vi state chiedendo come accidenti abbia fatto a trovare questo sito, sarò sincero con voi e non mi maschererò dietro ipocrite frasi di circostanza come "ci sono capitato per caso" oppure "me l'ha mandata un mio amico". Lo ammetterò, e basta. In fondo che c'è di male? Ebbene sì...

quando sono seduto sul cesso sfoglio il catalogo del Postal Market

8 commenti:

pandemonium ha detto...

Fantastico. Peccato non abbiano fatto anche un sedile a forma di Sfinge con dildo incorporato, secondo me avrebbe potuto avere successo...

Pautasio ha detto...

Ah, ecco il mio Postal market...
;-)

il@ ha detto...

... Già provo un senso di prurito diffuso quando vedo croci in legno e madonnine in terracotta... Questo è troppo anche per me. Farà la felicità di mille suorine che potranno sentirsi ancora più spose, ma non quella della sottoscritta, che di pelle sopporta poco solo i divani ;)

il@ ha detto...

..."scrollando" la tua pagina tra l'altro ho notato che sta prendendo una brutta piega, tutto un succedersi di (in ordine) tette, fighe, culi e cazzi...

E' tornata la primavera!!!

wagon ha detto...

Questo argomento sarebbe spinoso se il Cristino avesse anche la corona di spine. Ma la pagina sadomaso non l'ho trovata, quindi non lo è.

Pauta ci sei domani coi puttanieri, vero, che devo sbrodolarmi addosso tanta decadenza e senza di te perderebbe di significato?

Ed infine come Il@ ritengo anch'io che questo blog sia divenuto un onanistico tributa a parti corporee impudiche. Cosa che urta a tal punto la mia raffinata sensibilità da spingermi quasi a salvarlo tra i preferiti.

Quando c'è tra l'altro il suicidio di massa?

Pautasio ha detto...

"...tutto un succedersi di (in ordine) tette, fighe, culi e cazzi...". Beh, Il@, non mi sembra che finora tu te ne sia lamentata. E se cominci adesso, è un po' tardino per salvare le apparenze

Wagon, domani affronteremo la decadenza insieme, a viso aperto. E ora credo vomiterò

pandemonium ha detto...

Forse la lamentela è per l'ordine e la lentezza con cui sei arrivato ai cazzi... Magari invertendo... Tra l'altro, frullo d'ali e di palle, devo avere per forza un fottuto blog per non dover creare un maledetto account tutte le merdose volte che voglio pubblicare quattro stronzate tra i commenti, peraltro immettendo sempre i soliti cazzutissimi parametri? O c'è un modo perché il cervellone ricordi la mia cazzo di identità e la schifosa password? Fino del frullo.

Pautasio ha detto...

Dovresti poter utilizzare il tuo solito account tutte le volte senza grossi problemi... bah, strano. Non più dei dildo religiosi, certo, ma è strano comunque...